Italian thought network / Network sul pensiero italiano

Questo progetto nasce dall’esigenza di rilanciare le potenzialità intrinseche alla filosofia continentale, dando vita a un polo di elaborazione concettuale critico, intorno al quale già da qualche anno convergono interessi e linee di ricerca in varie parti del mondo. In seguito al successo di alcuni libri e autori, che ha ridato centralità al pensiero italiano contemporaneo, una serie di convegni internazionali hanno delineato i contorni di un paradigma cui, con un palese richiamo alla ‘French Theory’, è stata assegnata la denominazione di ‘Italian Theory’ o meglio di ‘Italian Thought’. Il primo di tali convegni si è svolto nel settembre del 2010 presso la Cornell University. A esso la rivista “Diacritics” (la stessa che ha decretato, negli anni ‘70 e ‘80, la risonanza della decostruzione) ha dedicato due fascicoli monografici (3-4, del vol. 39), raccogliendo tutte le relazioni. Nel gennaio del 2014 è stato organizzato un secondo simposio internazionale a Parigi dalle Università Sorbonne e Paris-Nanterre, i cui atti sono adesso pubblicati in Differenze italiane (DeriveApprodi 2015), insieme a quelli del successivo convegno organizzato a Napoli dall’Istituto Italiano di Scienze umane (SUM) e dall’Istituto Italiano di Studi Filosofici. Nell’ottobre del 2015 si è tenuto all’Università di Salerno un ulteriore convegno, promosso anche dalla Scuola Normale Superiore di Pisa, i cui contributi sono in corso di pubblicazione. Infine nel gennaio 2016 la Scuola Normale Superiore di Pisa ha organizzato un seminario, anch’esso internazionale, sul rapporto tra French Theory e Italian Thought.

A partire da queste iniziative, tenuto conto dell’ampio interesse che hanno determinato, è emersa l’idea di istituire un network intorno al pensiero italiano contemporaneo, esaminato nella sua relazione e nelle sue differenze rispetto ad altre scuole filosofiche europee, con cui si pone in dialogo e in confronto critico. Il progetto è quello di far confluire in esso, da varie Università e istituzioni italiane e straniere, gruppi di ricercatori interessati al tema, che possono organizzarsi in Laboratori e Centri o gruppi di ricerca all’interno dei rispettivi Dipartimenti.


Vous aimerez aussi...

Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *